Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


L'ANORESSIA NERVOSA. Quadro clinico e caratteristiche di personalità

L'attuale configurazione dell’anoressia mentale, basata su precisi criteri diagnostici e sull'individuazione dei sintomi sia fisici che psicologici, è frutto di un lungo processo di studio che affonda le sue radici nel XVII secolo quando, a opera di Richard Morton (1689), fu elaborata una prima descrizione della patologia. Da questo iniziale tentativo teso a individuare, secondo la prospettiva medica allora in voga, le cause organiche del disturbo, sì è passati nel corso dei secoli ad individuarne le cause psichiche, fino a fare dell’anoressia un'entità clinica ben definita.(...)

 

Leggi l'articolo





DEFINIRE LO STRESS: eustress e distress

L’uomo contemporaneo pensava di riuscire ad affrancarsi dal lavoro, pensava che l’impiego di nuove tecnologie e l’applicazione di una “razionalità spinta” ai processi produttivi e organizzativi avrebbero ridotto o addirittura fatto scomparire la parte più onerosa della sua attività lavorativa. Invece constatiamo sempre più che l’uomo occidentale (ma il discorso comincia a valere anche per le realtà in via di sviluppo come Cina, India) continua ad impegnare nell’attività lavorativa non solo gran parte del proprio tempo (in termini di ore giornaliere e di anni), ma anche, e soprattutto, una parte massiccia delle proprie energie fisiche e mentali.(...)

 

Leggi l'articolo





STRESS DA LAVORO: conoscerlo e affrontarlo

Se lo stress è diventato un vero problema, lavorativo e sociale, che può interessare qualsiasi lavoratore, indipendentemente dalla posizione che ricopre (libero professionista, dirigente, quadro, tecnico o operaio), è molto probabile che moltissimi, oggi, si trovino un una situazione di stress, tant’è vero che l’argomento della Settimana Europea sulla Sicurezza e la Salute sul Lavoro, per il 2002, è stato “come combattere lo stress”.(...)

 

Leggi l'articolo





PRAGMATICA DELLA COMUNICAZIONE. Alcuni cenni.

Dal punto di vista della pragmatica della comunicazione ogni comportamento umano che si verifica all’interno di un contesto interattivo implica una forma di comunicazione. Ogni comportamento costituisce perciò un veicolo di informazioni, per cui è possibile considerare inesistente la variabile “NON COMUNICAZIONE” anche in presenza di un tipo di comunicazione non intenzionale o inconsapevole delle singole componenti del processo comunicativo. Sembra inoltre non paradossale ritenere che persino i silenzi siano talvolta eloquenti.(...)

 

Leggi l'articolo




Pag. 4 di 4 - Risultati: 19
« Precedente - 1 - 2 - 3 - 4 -
Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2018 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY