Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


LAVORO IN...MACERIE

Tra le notizie curiose di oggi - questa è battuta dalla Reuters - c’è che un hotel di Madrid, prossimo alla ristrutturazione, ha dato la possibilità a un gruppo di manager, bancari, insegnanti e altri lavoratori, di distruggere (con mazze e quant’altro) le stanze da ristrutturare.

I prescelti (dopo attenta selezione basata su prove tipo: picchiare un manichino raffigurante un superiore, il capoufficio) si sono detti soddisfatti dell’esperienza, che andrebbe – secondo loro – ripetuta di mese in mese, per poter allontanare lo stress accumulato sul lavoro, in casa, nella vita.

Quanti, tra fotografi giornalisti e operai, hanno assistito alla demolizione sono rimasti esterrefatti e divertiti di fronte alla ferocia distruttiva dei partecipanti.

Il risultato è che da oggi, negli uffici spagnoli, ci saranno 100 lavoratori meno stressati.

O 100 lavoratori in meno?
Che hanno deciso magari di non subire più e di lasciare su due piedi l’azienda, la banca, la scuola, una volta ritemprati dallo sfogo, e lasciate sotto le macerie delle stanze d’albergo la rabbia e la frustrazione accumulate in ore giorni e anni di lavoro…!

Queste liberazioni possono aiutare sì, ma il rischio è che l’effetto sia momentaneo.

Sollevarsi dal peso dello stress richiede tempo e costanza, lavoro su di sé e impegno.

Caso mediatico a parte, è utile riflettere su un dato: lo stress cattivo spinge gli individui al limite, al limite della tenuta del loro equilibrio psico-fisico, tant’è che lo stress da lavoro è ormai diventato una vera e propria malattia sociale, con il suo carico di ripercussioni sulla vita famigliare e intima di chi ne è sopraffatto.
Un altro dei costi della società del Benessere.

 

Per approfondire, leggi gli articoli sullo stress 1 e 2.



Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2018 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY