Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


SIAMO TUTTI ANORESSICI

indice/immagini/post_immagini/nolita

 

Manifesto 6x3, immagine shock. Ma io non vedo soltanto una ragazza ridotta a scheletro o, almeno, non solo. Per una volta, contrariamente a quanto fatto in precedenza in queste pagine, non voglio parlare di anoressia quale patologia. Non voglio nemmeno entrare nella polemica, per altro sterile, circa l’opportunità o meno di pubblicare una foto simile. Non è mia intenzione dissertare di deontologia pubblicitaria (ma ne sarei poi davvero capace?), malgrado l’argomento stia suscitando un interesse smisurato in Italia e non solo, visto che persino la CNN oggi ha mandato in onda un’intervista a Oliviero Toscani. Voglio invece allargare il campo, per un attimo voglio vedere la foresta e non l’albero, e fare una riflessione sociologica più che psicologica. Non so perché ma quella foto mi ha rimandato l’immagine della nostra società: una società anoressica.

Una società in cui i valori sono dis-valori e le percezioni alterate, senza misura né proporzione, una società che offre e rende desiderabili - e concretamente persegue - ideali di successo e di realizzazione fittizi, ideali che in realtà nascondono solo un grande vuoto; una società incapace di avanzare una proposta di vita, un modello dell’esistere più sano e in armonia con il nostro corpo (di cui “aver cura” e non da curare in modo spasmodico e ossessivo nella speranza vana di guadagnarsi la felicità rincorrendo fraintesi ideali di perfezione fisica) e in armonia con gli altri (dov’è l’ascolto? Il confronto libero, la costruzione e condivisione di valore?).

E’ una società del consumo e dell’orrore che finirà col digerire se stessa così come fa l’anoressica che si è deprivata a tal punto da ammalarsi di autocannibalismo. E non è altro che la nostra società, la società del nostro mondo occidentale, tanto opulento quanto fragile. Qualche giorno, e tutto si scioglierà - come è uso e consumo - nell’indifferenza generale, qualche giorno e saremo pronti a scandalizzarci per una nuova campagna, per una nuova immagine, senza il rischio di confonderla con la nostra.

 



Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2018 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY