Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


ANGELI

indice/immagini/post_immagini/barca

 

Menti libere, prive di pensieri,

fronti chiare, volti sereni.

Tutto quello che venne fuori da loro

venne quieto, come le quattro stagioni.

 

Chung Tzu

 

 

Sono intorno a noi, a volte ci sostengono, altre volte ci fanno riflettere, ma fanno sempre qualcosa per noi, grande o piccola che sia: la fanno e basta.
Sono gli Angeli.
Non sempre ci accorgiamo della loro presenza, ma diamo per scontato che ci sia: una presenza costante, silenziosa, tenace, una presenza che ci guida senza palesarsi mai troppo perché gli Angeli non hanno bisogno di dire: “Siamo qui!”, ci sono e basta. Sono nati per questo, vivono per questo e amano per questo. Tutt’al più minimizzano quello che fanno, perché loro sono così: discreti e pieni di forza, sorridenti e generosi.
A volte ci passano accanto come un soffio, e come un soffio vanno via, ma senza lasciarci davvero: rimangono i loro gesti e le loro parole, i loro sguardi brillanti e luminosi, rimane la loro bellezza fuori dal comune, la bellezza della loro Vita.
Gli Angeli passano, non sono più vicino a noi, o almeno non come noi eravamo abituati a sentirli e a vederli; passano ma forse cambia solo il loro modo di esserci. Allora, per percepire la loro presenza, è sufficiente forzare il limite della nostra comprensione e della nostra visione, è sufficiente “saper vedere”, vedere oltre vedere attraverso.
Gli Angeli passano, ma la loro presenza rimane, rimane sempre: la ritroviamo nei volti di chi hanno amato senza alcuna contropartita, con Amore. La ritroviamo nei piccoli grandi miracoli che compiono, come può essere un sorriso ritrovato in un volto per troppo tempo sofferente. Sorridono a loro volta, e il loro viso si illumina di elegante semplicità.

Anna Zanghi, 33 anni, medico. Un angelo, passato, come un soffio di vento.

Grazie cugina mia, per tutto quello che mi hai insegnato, senza che io te lo abbia mai detto prima.



Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2017 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY