Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


LE PAROLE PER DIRLO

 

indice/immagini/post_immagini/fiorire 

 

“C’è un mondo dove nascondo sogni e perché. (…) C’è un mistero attorno a lui che non conosco” (da ‘La mia favola’, vedi post precedente).

Il nascondere è un nascondersi, è un voler sparire. Ma sparire non è morire, è rinviarsi ad un’altra vita, è sospendere quella attuale, è starsene al riparo per un po’, quel tanto che basta per uscire cambiati, diversi.

Ma come si fa a cambiare? E’un mistero, o meglio, sembra un mistero, perché quello che riposa in fondo al nostro cuore alla nostra mente sembra inconoscibile, più grande e più forte di noi, sembra che ci governi - malgrado noi, ed è una forza che ci spaventa e intimorisce ma che ci incuriosisce anche.

Perché quella parte oscura che alleviamo dentro di noi è una forza ancora tutta da scoprire, da imparare a governare, da orientare verso la Vita e non la morte.

Chi è capace di ringraziare ha in sé un forte impulso alla vita, e immagina di nascondersi sì, di sparire sì, ma giusto il tempo di capire come si fa a vivere, come si fa ad accogliere dentro di sé questa grande energia.

Questo nascondersi può tuttavia essere pericoloso, può consumarci, quando questo nascondersi è una frequentazione di abissi, di un abisso che ci risucchia e non ci restituisce più alla superficie, al mondo.

Riaffiorare: è questo l’anelito di un’ anoressica.

Riaffiorare vuol dire infrangere la superficie dell’oceano della propria disperazione risalendo dalle profondità della paura, della mancanza di senso o del sovraccarico di senso, profondità che danno vertigine e panico; riaffiorare vuol dire tornare a respirare assieme al respiro del mondo: un respiro normale, un respiro che è riuscire di nuovo a sentire e a sentirsi; che è iniziare ad amare e ad amarsi, ad apprezzare la varietà della vita, con tutti i suoi colori, a stare di nuovo sopra la superficie.

 



Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2018 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY