Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole


MIRAGGI DI FELICITA'

 

indice/immagini/post_immagini/pillole

 

 

“Non importa se bevi in una tazza d’oro o di cristallo o di spatofluore o in un calice di Tivoli o nel cavo della mano.

In ogni cosa, pensa allo scopo da conseguire, e lascerai andare il superfluo”.

 

Lucio Anneo Seneca -Epistole

 

 

 

 

La nostra società non ammette sconfitte o delusioni, non tollera la rinuncia, compatisce il debole ed esalta il forte. La competizione esacerbata è la cifra dei comportamenti quotidiani delle persone, al lavoro così come nella vita privata.
Eppure tutti vengono incoraggiati a realizzare il bene supremo della felicità, come se la felicità consistesse nel raggiungimento dei traguardi che la società seleziona per noi in quanto auspicabili, desiderabili.
Felicità come miraggio, felicità fraintesa.
La “felicità” è una delle parole più digitate sui motori di ricerca, ed è il termine più in voga su riviste di ogni genere dove spesso viene promossa come il solo “stare bene” fisico e confusa con esso. Se il nostro vivere viene turbato da una delusione o da una rinuncia forzata a qualcosa o a qualcuno, ecco che subentrano ansia e tristezza, unite ad un senso profondo di sconfitta. Tutti stati d’animo e mentali che la società marchia come negativi, ovvero, patologici. Di qui l’ansia di curare l’ansia, e di … cancellarla!Insomma, non importa più il cammino verso il proprio obiettivo, ma il raggiungimento del traguardo. Non pronunciamo forse la famosa frase “non vedo l’ora!”, per poi accorgerci che il nostro obiettivo ha perso progressivamente di interesse, indipendentemente da quanta fatica abbiamo sopportato per raggiungerlo?
In noi è sempre più radicata la convinzione che la felicità della nostra vita sia indissolubilmente legata alla “performance”, e che sia nostro compito rimuovere quegli ostacoli che ci impediscono di realizzarla, di essere ottimi, efficienti, competitivi.
Il bisogno di rimozione si traduce quasi sempre nella ricerca di un rimedio esterno e a portata di mano (di ricetta), uno di quelli offertoci dalla ricerca farmacologica, magari uno di quei rimedi indirizzati a disturbi psichiatrici “importanti” e dunque capace di sopire i nostri pensieri, azzerare le emozioni ed eliminare così la sofferenza psichica, liberandoci dal “male”.
Gli psicofarmaci, dall’anno della loro introduzione ad oggi, hanno progressivamente invaso il mercato fino a raggiungere il 4° posto assoluto nella classifica dei consumi di medicinali. Ora, a distanza di 20 anni dalla loro messa in commercio, cominciano ad essere pubblicati i primi risultati di ricerche incrociate effettuate da istituti diversi, da cui emergono i dubbi, sempre più fondati, di una parte della comunità scientifica circa la reale efficacia di queste molecole.
L’articolo di Chiara Palmerini, apparso su Panorama dello scorso 20 marzo, illustra con semplicità ed acutezza i risultati di queste indagini che periodicamente vengono riprese con grande clamore dalle principali testate giornalistiche mondiali e che, in breve tempo, ritornando nel silenzio più assoluto.
Ma se il compito dei giornalisti è anche quello di svegliare le coscienze, l’onere della scelta e della responsabilizzazione spetta a ciascuno di noi.

 

 



Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2018 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY