Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole
Archivio: January - 2009


MAESTRI di Fabrizio Cipollini

Approfitto del post inviato da Fabrizio, per esternare un punto di vista che, credo, sia importante per quanti decidono di leggere le pagine del mio blog.

Ho riflettuto a lungo se proporre o meno il post che riporto di seguito, e non solo per il profondo imbarazzo provato nel leggerlo. Si tratta piuttosto di un mio convincimento legato al fatto che non mi sento un maestro, inteso nel senso classico del termine. Quello che cerco di fare, più o meno bene, sia nella vita privata che nel lavoro, ma anche attraverso i miei interventi in questo spazio, è condividere le mie esperienze e i miei percorsi di ricerca con gli altri e, dagli altri, apprendere in ogni momento, in una sorta di processo osmotico inarrestabile. In tal modo, ciascuno di noi sperimenta la gioia di diventare allievo e maestro di se stesso e, dall’esperienza, ma anche dal porsi le giuste domande, costruire il suo percorso di sviluppo.

Quando si è pronti, il maestro dentro di noi appare.  Ecco che la linea retta diventa cerchio.

 

Grazie Fabrizio.

 

 

indice/immagini/post_immagini/zen

 
Durante un discorso di Dharma, Zhaozhou disse:
"Nel momenento in cui cercate di applicare la mente in questo modo o in quel modo, avete già perduto il fatto".
A quel punto un monaco chiese:
"E se non cerco di applicare la mente, che ne dite?".
Zhaozhou colpì tre volte il monaco e disse:
"Ho tradito le tue aspettative, eh?"
 
Maestro Zen Zhaozhou

 

 

 

"Quando l'allievo è pronto, il maestro appare", avevo appena conosciuto Giuseppe al corso di tecniche avanzate di vendita e questa sua frase mi colpì molto.
Non furono solo le sue parole a colpirmi, anche la sua filosofia di vita che traspariva dalla sua attività di coach. Giuseppe, per chi lo conosce, è un uragano, riesce a spazzare le nuvole negative e far apparire il sole anche quando sembra non ci sia più.
"Quando l'allievo è pronto, il maestro appare" è un proverbio giapponese e come tutti i proverbi ha la capacità di essere di più di quello che sembra. E' una piccola bomba intellettuale a scoppio ritardato, chiunque può capire che c'è più di quello che appare a prima vista.
La prima interpretazione è quella che quando una persona è pronta per imparare delle cose nuove, trova sempre un maestro capace di insegnargliele.
Ma questa è solo una delle possibili interpretazioni, ed è anche molto bella perchè legata a ciò che viene detto comunemente pensiero positivo, cioè quella filosofia di vita che asserisce che siano i nostri pensieri ad attirarci le cose belle e le cose cattive.
Ma il proverbio giapponese, ha, secondo me, un altro significato, molto bello e pregnante.
Quando abbiamo imparato a fare le cose bene e nel modo giusto, questa nostra capacità riecheggia ed imita gli insegnamenti di chi ce lo ha permesso.
Ciò è davvero meraviglioso.
Sapere che aver raggiunto la perfezione, grazie agli insegnamenti dei nostri "maestri", non solo è una forma di rispetto e di omaggio verso costoro, ma anche di ringraziamento.
Così la tradizione diviene eredità e noi ci impegnamo ad essere maestri di qualcuno a cui, quando sarà pronto, appariremo.
La linea retta diviene cerchio ed armonia.

 

 

Fabrizio Cipollini

 

 

 

 





A PROPOSITO DI BENESSERE

indice/immagini/post_immagini/ISJapan

"E' impossibile manipolare lo scheletro o qualsiasi altra struttura fisica

per influire solo su muscoli od organi particolari. Tali parti sono unicamente

concetti della nostra mente cosciente.

Concentrarci su una parte ci permette solo apparentemente di agire su

di essa. L’intero sbiadisce sullo sfondo quando noi focalizziamo solo una

parte, ma l’intero continua comunque ad esistere. Ciò che succede è che

l’intero diventa invisibile alla mente conscia.

Spesso un problema fisico appare in una parte del corpo e si può avere

l’impressione che quella sia l’unica a soffrirne; il problema in realtà

esiste nel corpo come intero".

 

                       Shizuto Masunaga

 

Da alcuni anni la mia ricerca è indirizzata al campo del benessere. Come ogni ricerca, all’inizio vi sono pochissime certezze, qualche assunto di base ed infinite strade da poter percorrere. La mia attenzione è stata inizialmente catturata dal ben-essere di tipo psichico, che scaturisce dal buon uso di una serie di tecniche e di strumenti i quali, partendo dalla conoscenza di sé e da una migliore comprensione degli altri, possono farci sentire “bene”. Tuttavia, con il passare degli anni, con le esperienze professionali e personali, mi sono reso conto che al processo mancavano alcune parti. Provavo una sensazione di incompletezza nel parlare di mente disgiunta dal corpo. Con la spinta motivazionale data dalla curiosità, ho iniziato ad affiancare alla pratica delle arti marziali, studi e sperimentazioni inerenti le discipline bio-naturali, a volte impropriamente chiamate “medicine naturali”. Il tutto nella speranza di trovare una via per il raggiungimento del "benessere globale” della persona e non certo  di cure intese nel senso tradizionale del termine, delle quali si occupa la medicina tradizionale detta anche “ allopatica”. Lentamente si è fatta strada in me la consapevolezza che il nostro stato psicofisico è in realtà influenzato dai nostri sensi, dai nostri stati mentali, dalle emozioni, dalle sostanze che immettiamo al nostro interno, ma anche da come alleniamo il nostro corpo e la nostra mente. Se pensiamo, ad esempio, che  uno stato di gioia produce endorfine che stimolano il nostro sistema immunitario, mentre quando siamo ansiosi  o stressati cortisolo - oppure adrenalina se siamo spaventati -, comprendiamo come, pratiche legate allo sviluppo dell’elasticità corporea, della capacità di autoriflessione, o la capacità di arrivare a scegliere gli alimenti più corretti per il nostro corpo, possono condurre ciascuno di noi a sperimentare un reale e totale stato di benessere. Tuttavia di giorno in giorno,con il progredire delle mie ricerche, divento sempre più consapevole di quanto sia difficile operare cercando di fare chiarezza in ambiti di grande complessità come quelli che mi appassionano. Ciò che continua a spronarmi nel continuare a percorrere questa via è la convinzione che quando la mente è naturalmente serena, e il corpo funziona all’unisono con essa, tutto è possibile e nulla ci è precluso.

 




Pag. 1 di 36 - Risultati: 176
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - Successiva » - Ultima »»
Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2017 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY