Equilibri dinamici - allenamento al cambiamento consapevole
Categoria: educazione


CONDIVISIONE E SERVIZIO

indice/immagini/post_immagini/Yangon01

Yangon, Myanmar - luglio 2009 - "Mary Chapman Shool for the Deaf Children"

 

Ore 8,45 aeroporto di Yangon, Myanmar (ex Birmania). Un’ interminabile serie di ore di volo con scalo a Bangkok. Una costruzione ultramoderna semivuota che stride con il panorama visto dall’alto. Le lunghe attese per le formalità doganali, il controllo dei visti per poi guadagnare l’uscita. Le porte scorrevoli si aprono davanti a noi e ci proiettano in modo violento nella realtà; caldo asfissiante, odori forti, umidità superiore al 90% e pioggia monsonica. Ora comprendo il motivo per il quale le agenzie turistiche sconsigliano questo periodo per il soggiorno. Tassisti all’arrembaggio dei pochi viaggiatori e un sorriso amico, accogliente, rassicurante che da lontano ci osserva e ci fa cenno di andare verso di lui. E’ il nostro referente per i progetti “Share”. Ci aspettava da tempo. Il nostro lavoro stava per iniziare.

Mentre corriamo verso l’albergo, mi ritorna in mente che ci sono molte strade per sperimentare nuovi modi di sviluppare la propria consapevolezza rispetto a  ciò che si è realmente. Tutto quello che appare nelle nostre azioni e diventa “visibile”, è una diretta conseguenza di ciò che si è al proprio interno, in quella parte più “invisibile” che nel suo pulsare tende a manifestare esternamente una nostra condizione interna. L’invisibile inizia a prendere forma, ad assumere un aspetto meno fantastico, più concreto e intriso di positività, capace di caratterizzare la nostra Vita su una base di felicità, armonia, gioia e amore. In effetti, se si vuole sperimentare questo stato occorre rendere visibile questa parte di positività originariamente presente in tutti noi. Ciò si può realizzare mantenendo una condizione interna che ci porta, attraverso il nostro agire quotidiano, a vivere le nostre esperienze riflettendo e meditando su ciò che si realizza, cercando di percepire se e quanto viene evidenziato risuoni con la nostra più profonda autenticità.

Condividere significa anche utilizzare il nostro talento nella direzione dell’offrire a qualcun altro, in una condizione di servizio che, proprio perché è rivolto ad una ricerca personale, diventa qualcosa che è molto diverso dalla beneficenza. Ecco che allora il condividere diventa il fare solo ciò che è meglio fare, percependo cosa si scatena al nostro interno. Agire significa creare i presupposti del corretto sentire e solo chi sente può capire ciò che spesso sembra non spiegabile, quello che non è visibile. Condividere significa sviluppare la sua azione verso lo sviluppo della propria umanità, percorrendo la via del cuore. La nostra è una società che parla molto di sentimenti, di emozioni, di amore, ma la stragrande maggioranza delle persone domanda amore e si aspetta amore, non si mette nella condizione di offrirlo in modo sincero. Non è possibile creare un’energia positiva dentro di noi se non si prova interesse e gratitudine nei confronti di quella persona, di quel progetto, di quella cosa specifica. Offrire qualcosa significa aver compreso la natura di colui al quale si offre, diventare sensibili (utilizzando i nostri sensi) nell’atto di comprendere a fondo. Frequentare una persona e cercare di comprenderla sono due cose completamente diverse. Basta immaginare cosa spesso accade in una coppia, negli ambienti di lavoro, tra amici. Ci vuole pazienza e un enorme rispetto nei confronti degli altri e un giorno, come d’incanto, anche solo per un istante, si percepirà una vicinanza tale da diventare una sola cosa con l’altra persona. Non vi è mai capitato di preoccuparvi per una persona amica, per il proprio partner, un parente, in modo da arrivare a provare le stesse sensazioni dell’altra persona, magari lo stesso dolore o la stessa felicità? Se non è accaduto significa che il nostro modo di vivere ha paralizzato il nostro “sentire”, il nostro cuore, la nostra anima. Da dove si può iniziare per fare questo percorso? Di sicuro si può iniziare da ciò che si incontra per la propria strada, nella propria quotidianità, senza tentare di andare oltre le proprie capacità. Un’azione, poi la seconda, poi un impegno più grande e così via. Passare poi nel cercare progetti più impegnativi, andare in posti nei quali si può rischiare molto, ma provare un amore che scaturisce dalla nostra parte più invisibile e si concretizza in azioni concrete nella direzione di lasciare un’impronta di Vita e di amore. Sarà magari una goccia in un mare, ma da quella goccia ne scaturiranno altre, fino a diventare un piccolo torrente e poi un fiume. Forse è tutto questo che mi spinge ad andare in paesi come quello dal quale sono stato, completamente diverso dal nostro, in una scuola per ragazzi con disabilità la “Mary Chapman School for the Deaf Children”, per condividere esperienze e dare concretezza ad un sogno partito qualche anno fa da chi ha già individuato il percorso per rendere noi stessi ed il mondo in cui viviamo più umano, attraverso un’offerta di servizio.

 





IL GENITORE COME COACH

indice/immagini/post_immagini/ANSI

 

 

 

 

 

Ogni genitore ha in sé  un profondo desiderio: costruire una meravigliosa relazione con i propri figli cercando di trasferire loro il senso di un legame che potrà essere di immensa utilità per le generazioni future.

Continua...

 

Leggi integralmente l'articolo





DIECI CONSIGLI PER EDUCARE I PROPRI FIGLI E FARLI DIVENTARE CAPITANI CORAGGIOSI

Come sapete, di solito, non sono molto d’accordo con il fornire “regolette di vita”  più o meno impacchettate, ma questi semplici dieci consigli, apparsi all’interno dell’articolo del Corriere della Sera del 29 luglio 2008, contengono spunti  di profonda riflessione circa un diverso modo di “guidare” i propri figli a comprendere ed a vivere nel miglior modo possibile il proprio percorso evolutivo. Tuttavia “il decalogo”, come sostiene uno degli ideatori delle regole, Alessandro Rosina, professore di Demografia alla Cattolica  di Milano– l’altro autore è Annamaria Testa, creativa ed esperta di comunicazione, figlia del famoso Armando Testa, geniale disegnatore, cartoonist, autore grafico e di testi per il settore della pubblicità,- “non è una bibbia, vuole anche essere una provocazione. Ai giovani va trasmesso il senso di diventare autonomi.”

 

Leggi il decalogo






FIORI E GERMOGLI

 

 

“Vi sono germogli destinati a non fiorire mai,

e ve ne sono altri che fioriscono  ma non portano mai frutti.”

 

Confucio, Dialoghi, Mondadori 1989

 

indice/immagini/post_immagini/NASO_REGALO

 

Articolo apparso su "Repubblica" del 28 aprile 2008

 





L'EDUCAZIONE DENTRO DI NOI

indice/immagini/post_immagini/madrefiglio

L’essere vivente è l’esatto prodotto di tutti gli stimoli ricevuti nell’arco della propria vita. Se diamo per acquisito questo assunto, semplice e complesso nel contempo, dobbiamo necessariamente convenire sul fatto che gli esseri umani crescono e si sviluppano primariamente in relazione all’educazione ricevuta o acquisita.

Per cui, pensiamo e ci esprimiamo a seconda delle abitudini che abbiamo incorporato. Tanti genitori sembrano preoccupati, fino all’ossessione, della condizione del feto durante il periodo di gravidanza, ma poi sembrano non comprendere appieno l’importanza dell’ambiente sullo sviluppo del bambino e trascurano di occuparsene.

Per ambiente intendo il luogo nel quale si vive in comune, un ambiente fatto di comportamenti e azioni, di parole e stati d’animo espressi dalle persone che frequentano quell’ambiente. In questo caso è la famiglia l’ambiente che funge da specchio per il bambino, è la famiglia ad essere “responsabile” del processo di socializzazione primaria, in quanto fornisce al bambino le figure in cui identificarsi, assumendone ruoli e comportamenti.

Ogni azione, nel breve ma soprattutto nel medio e lungo periodo, produrrà un effetto sul bambino, il quale diventerà un adulto, che, pur nella complessità del suo processo evolutivo nel quale interverranno altri fattori e figure, sarà comunque “segnato” da quei respiri ascoltati nell’infanzia.

L’Energia Vitale, il Ki - o il Qi per dirla all’orientale – è il fluido di Vita (per molti invisibile) che scorre al nostro interno, e viene plasmato e governato da tutto ciò che abbiamo a poco a poco incorporato, e cioè dalle abitudini, dai riflessi incondizionati.

L’articolo “Lo sviluppo psico-affettivo del bambino” proposto dalla collega Manuela Di Giovanni, dottoressa appassionata della psicologia evolutiva, ci racconta e spiega, in un linguaggio scientifico, come “l’educazione” del bambino, soprattutto nei primissimi anni di vita, sia alla base dell’equilibrio e della serenità dell’adulto che quel bambino diventerà.




Pag. 1 di 55 - Risultati: 272
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - Successiva » - Ultima »»
Leggi tutti »

Indice del forum »
Allegro ma non troppo
La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che:
Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione.

Carlo M. Cipolla (il Mulino)
Tutti i libri »

> American Journal of Psychology
> American Journal of Sociology
> Choice
> Coach Federation
> Coachville
> IAC
> Mente e Cervello

> FIDAS
> Briciole di pane - il sito

> Briciole di pane

 

 

indice/immagini_box/manitese

VAI AL SITO DI "MANI TESE"

 

indice/immagini_box/share1

indice/immagini_box/share2

One world one people one life

(clicca qui)

indice/immagini/post_immagini/telefonoazzurro

"Senza di te
Telefono Azzurro
non c'è"

indice/immagini/post_immagini/logosave

Italia Onlus

Aderisci alla campagna

"Riscriviamo il futuro"

 

indice/immagini/post_immagini/BANNERUNICEF

SOSTIENI LA CAMPAGNA

 

indice/immagini/post_immagini/amnesty

 

indice/immagini/post_immagini/caino

CLICCA QUI

 

Archivio articoli »

Giuseppe Zanghi

Corrado Canale

Galliano Cocco

Fabrizio Cipollini

Manuela Di Giovanni

Fabio Muzzupappa

Luciano Di Penta

© 2007 - 2017 Equilibri dinamici • credits: M1 - WEB AGENCY